Mosche



Le mosche sono presenti, ormai, in ogni continente del nostro mondo. Le larve, inizialmente prive di zampe, vivono immerse in sostanze in via di decomposizione come letame, rifiuti alimentari e animali morti dove le mosche adulte depongono le uova. Diventano molto numerose perchè dalla primavera all’autunno si succedono diverse generazioni. Essendo attratte dalla presenza di alimenti ( liquidi o bagnati dalla loro saliva ) si posano su su ogni materiale che potrebbe fungere da veicolo per virus, batteri e parassiti. Hanno una particolare predilezione per il pane e per le bevande zuccherine.
Dove si trovano. Le mosche preferiscono scorazzare esternamente tra rami, foglie, fili etc.. nelle ore calde della giornate facendo ritorno nelle abitazioni, posandosi su fili, corde e oggetti pendenti nelle ore fresche della giornata.

Conseguenze nocive per l’uomo. Questo insetto può diventare estremamente fastidioso sia per gli animali, che non riscono a nutrirsi tranquillamente perchè irritati dalla loro presenza, che per l’uomo che rischia ogni volta la trasmissione di malattie infettive. Sono più di 20 le malattie trasmesse dalla mosca. Di conseguenza, non può essere tollelrata la loro presenza nelle cucine, bar, ristoranti etc..

Come combatterle. Nella maggior parte dei casi lo strumento più adeguato per una disinfestazione contro mosche è l’utilizzo di lampade ( Trappole luminose a luce UV ) capaci di emettere luce dotata di diverse lunghezza d’onda. Questo mezzo riesce sia a sconfiggere che a monitorare l’infestazione. In aggiunta a questo intervento diventa necessaria una sanificazione dell’ambiente per rimuovere le sostanze organiche che le mosche usano per alimentarsi.